venerdì 30 dicembre 2011

l'ultima carotina - fotelleEee



L'ultima carotina - La classifica




Grazie a tutti quelli che hanno partecipato, scRofanandosi pizzoccheri x 50 come fossero un piattino di pastina in brodo. Grazie per i 60 litri di vin brulè che vi siete bevuti. Grazie per essere venuti a salutarmi e a guardarvi un video di mangiamerda ( gentilmente offerto dal buon Cimetta).
Grazie agli stronzi che han preso freddo ai check, spero almeno abbiate bevuto abbastanza.

Detto questo, qui quello che si capisce della classifica, se ci sono errori comprendeteci, abbiamo iniziato a bere a colazione...

1° Matteo Bugs 1h:15'
2° Simone Loca
3° Mattia
1° Out of town 10° Marco Citta ( de Colleféro, che stà vicino a roma ma nunn'è roma ) = 1h:26'
1° donna 33° Fainder 2h:27'
Last Fucking One 35° Ben 47h:32'

4° Guido Casbah
5° Fra
6° Enrico
7° Pietro
8° Martino Barona
9° Simon
11° Emanuele
12° Vara ( Verona )
13° Trezi
14° MarMaz
15° Davide
16° Iron Cutter
17° Andrea Leverkusen
18° Simone Big Bubble
19° Lorenzo
20° Alessandro
....mi spiace per gli altri ma poi o cominciavo a cucinare o segnavo i risultati.

Chi non c'era sucasse.

domenica 18 dicembre 2011

L'ultima carotina - Flyer

Alleycat invernale: L'ultima carotina
Quando: 28/12 h14:00
Dove: Cicloofficina stecca, Vicolo de Castilla, Milano
Cosa serve: Una bici qualsiasi, Mappa, Catena o lock, Casco, Luci, Borsa capiente / Zaino, 5fottutieuro
A scanso di polemiche, il prezzo è più alto delle nostre solite alleycat ma comprenderà la cena e la festa con beveraggi all'arrivo.
Il finale della gara coinciderà con il MyOwnFuckingFarewellParty , con il quale saluterò tutti per trasferirmi in via definitiva in terra britannica.

Chi non viene si becca le emorroidi!

lunedì 28 novembre 2011

the champion su Vimeo

Ska a.k.a. The Champion, immortalato in uno dei momenti clou della gara mentre prende la particola dal buon Danka:

http://vimeo.com/32669541

lunedì 21 novembre 2011

NO TiME TO LOSE - report




Altro BFF, altro giro e altro regalo. Venerdi sera 20pollici, sabato arriviamo alla partenza con largo anticipo, fondamentalmente per non rimanere fuori dalla fila e farci sfuggire le magliettine, l'attesa la inganniamo con birra, pizza e droghe. manifest sulle bici, linea di 131 pedalatori, pronti via: apriamo il manifest e già i cricetini nel cervello cominciano a consumare tutto l'enervit ingerito: il formato gara è a punti, diversi check, prese&consegne, come ci si può aspettare da una garetta di castronuovenger. Ci prendiamo tutta la calma del mondo, carrotz analizza punteggi e difficoltà relative, con una complicata sommatoria caga fuori un giro preciso:

1- check a tempo via boscaiola --> via sassetti 15pt

beccato un po a culo che via boscaiola era nascosta, ma uno dei ragazzi al check aveva la maschera di spiderman... era il caso di fermarsi :)

2- c.so garibaldi --> via deceimviri 20pt

oh wait questa volta il lock serve!
resto un po in dietro rispetto al gruppo (carrotz, pigo + ragazzo di verona, nephasto, enclair e siberiano), un suv mi taglia la visuale e li perdo...

3- via decemviri --> via morgagni 15pt

lo zucchero mi ridà energie, anche se le guardie di dogana cercano di avvelenarmi me la cavo con un anestesia locale al labbro, chissà poi se mi si è addormentato sul serio o era solo nella mia testa.

4- via melegari --> largo grassi 10pt

le piste ciclabili sono delle trappole [cit. cimetta] arrivo in melegari, busta da portare intatta, sulla strada verso largo grassi (girando intorno a lanza come un babbo) mi salta via la ruota davanti, le tacchette del freno anteriore tengono il cerchio in sede e mi salvano i denti davanti. rimetto la ruota e spero che la bici non abbia accusato troppi danni.

5- check veloce --> sangiorgio>bossi>sangiorgio 40pt

"la sai la strada?" "sisi tutto nella mia testa"... cosi mi ritrovo a consultare la mappa immediatamente dopo, vicino a via dante. cazzo. trovo il check poco dopo, con diodo e co. che mi danno qualche info sul resto del drim tim.
torno al check dove il pavimento era un bagno di sangue, e il romanaccio con l'amaro spaventava le vecchine con fare incalzante "eh sa signora organizziamo incontri clandestini"

6- san senatore --> lanzone 39 5pt

visto che sono un ragazzo sveglio e trovo il portone al civico 39 aperto, mi ci infilo e nel cortile comincio ad urlare cheeeeck cheeeeek, nella speranza vana che qualcuno saltasse fuori dal quarto piano a dirmi "molla la bici e sali"... l'unica persone che mi ha rivolto la parola mi ha ricacciato in strada, dandomi modo di trovare il vicoletto dove si nascondeva il check malefico.

7- lanzone 39 --> via nizzoli 15pt

torno in strada via nizzoli non l'ho segnata sulla mappa all'inizio. comincio a cercare fermando la gente "eh ma dovrebbe essere da queste parti" (ero in de amicis)... la trovo, sopra lorenteggio, mollo il progetto di fare l'8 check, vista l'ora, mi fiondo verso piazza napoli e poi una tirata per lonrenteggio. vedo gente che rientra, privo di un orologio biologico, comincio a pensare che sia troppo tardi. arrivo al check quasi in chiusura.
trovo trezi che mi tira fino al di la del ponte, dove incrociamo enclair e nephasto intenti a farsi la scalata. sono le 1830 e chi stava al check smonta con noi, a cavallo della sua saltafoss con ruote da 20 e sella in legno ci sta dietro fino al bitte... O_o

8- via banfi --> corso pt. romana 10pt [NONCELAFACCIOMICA]

9- via watt

al bitte ce gia una coda di persone in attesa, buttiamo giu le bici e ci mettiamo diligenti, in attessa di birra, che verrà centellinata una ad ogni partecipante.
questa la classifica:

1) Ska / 89 ___ 120 pt
2) Frizz / 23 ___ 115 pt
3) Matteo Castrofino / 49 ___ 115 pt
4) ex equo Teone / 84 e Cimetta / 52 ___ 115 pt
5) Gori / 66 ___ 115 pt / 1° OUT OF TOWN
6) Valeria Rossini / 122 ___ 115 pt / 1° DONNA
7) Giorgio UBM / 123 ___ 115 pt
8) Imen / 14 ___ 115 pt
9) Marco Paco / 20 ___ 115 pt
10) Jacopo / 79 ___ 115 pt

sono gasato come un grillo, anche perchè oltre al 4° di cima e matteone, la veste tecnica (logora) del drim tim si è vista al Vigorelli domenica, con un 3° posto di carrotz al surplace, un 2° posto di cima alla cargo race (secondo solo a rocco eh)... e diversi posizionamenti di un certo livello alla estenuante garetta 20 inches, organizzata dalla stazionedellebici.

sono stati tre giorni esagerati, una garetta dietro l'altra, grazie a tutti quelli che si sbattono ogni volta per far venire le cose bene. Tra le poche proiezioni che abbiamo visto, secondo me questa vince su tutti. forse la polemica intorno ad eventi cosi grossi finirà mai, un sacco di aspetti positivi sull'organizzazione garette di ogni genere, e qualche aspetto negativo, io per sicurezza ci metto i miei 2 centesimi: sono il ricordo di 3 anni fa, che il velodrome party era organizzato nel parcheggio sotterraneo di un supermercato, con gente che spaccava ruderi di bici a suon di metal, le ragazzine lanciavano cappellini, ingresso free per chi aveva corso e free drink(S) per chi aveva dato una mano... e mr. cinelli faceva surplace con la bici di dade.

Time To Win alla No Time to Loose

La foto si commenta da sola.
Se qualcuno vuole buttare giù un report... io devo smaltire la sbronza ciclistica del weekend.

giovedì 17 novembre 2011

Al Vigorelli non si può correre


e allora staremo tutti fermi!
Alle ore 14 Pettenella Cup, gara di surplace.
Dalle ore 11 sit-in e raccolta firme per la riapertura del vvvvelodromo.

martedì 25 ottobre 2011

bici ritrovate - blitz in fiera





Succede che a volte quando fai le scorrettezze vengono a prenderti a schiaffi, questo giro il comune invece ha optato per qualcosa di piu costruttivo, e ha sequestrato 35 bici "di dubbia provenienza" in fiera di senigallia. L'intervento, a quanto si legge qui, è frutto di segnalazioni e richieste degli stessi venditori regolari e organizzatori del mercato. La figata è che pare l'intervento sia il primo di molti, e che finalmente il comune si stia muovendo per combattere quella brutta abitudine di segare i lucchetti.

Il fatto che non siamo sotto elezioni fa ben sperare in un iniziativa sentita e non una mossa commerciale. Scrivere al comune sarebbe una buona idea per soddisfare il narcisismo degli operatori e invogliarli a fare di piu.

Qui ci sono le bici sequestrate, niente biciclette matte a scatto fisso, ma magari hanno colpito la vostra morosa.

domenica 25 settembre 2011

RUBBICI - biciclette rubate





"Stringi, stringi al mondo esistono due categorie di persone quelli che fanno chiacchere e quelli che fanno i fatti, la maggior parte fa solo chiacchere sa solo parlare ma alla fine quelli che fanno i fatti sono coloro che cambiano il mondo e quando lo fanno cambiano anche noi per questo non li dimentichiamo mai. Voi a quale categoria appartenete? Fate solo chiacchere oppure vi alzate in piedi e fate i fatti? Perché credetemi tutto il resto è solo una marea di cazzate..."

è una delle mie frasi preferite, e qui calza a pennello. Aaron si è messo a fare i fatti e ha creato una piattaforma su cui scambiarsi informazioni di bici rubate/ritrovate/sospette, per creare una rete nazionale contro i furti di bici, che ogni settimana ci fanno dormire male. il sito è una vera bombetta, ci sono sezioni per segnalazioni e consigli, indicazioni sui mercatini dove cercare di recuperarle, e promo di iniziative a tema. tra poco verrà pure messa una mappetta per farti capire meglio dove ti trovi.

fate girare la voce e tenete gli occhi aperti.


lunedì 29 agosto 2011

DinoSuvs will die!

Geniale illustrazione per una maglietta di Threadless!!!
Andare tutti a votare per mandare in stampa il progetto.

domenica 28 agosto 2011

Il Kilometro Violento! Sprint race @ milano 30/09/11




Spolverate i vostri pursuit tenuti nel cassetto, depilatevi le gambe e i gioielli di famiglia e fatevi dare tanti pugni sulle guance e sui fianchi per essere più aerodimamici. La DrimTim production è lieta di invitarvi alla prima edizione del Kilometro Violento sprint race.

LOCATION: Via caduti di Marcinelle all'incrocio con il viadotto della tangenziale

Clicca qui se vuoi spararti il teaser!

Iscrizione 2euro+2birre (meglio se fredde)
Gara al riparo dall'acqua, si corre anche se piove quindi non svete scuse.
Gara aperta come sempre a tutte le tipologie di bici.
Single gear race, dichiarate un rapporto a inizio gara e userete solo quello.

Ognuno è responsabile per se stesso, si corre SOLO con il casco in testa quindi o ce l'avete o sul posto ve lo fate prestare.

Sponsor ben accetti ma non necessari, come piace a noi, si corre per vedere chi è più fico. Se qualcuno non può correre ma vuole venire è ben accetto come aiuto per la logistica e per fare qualche foto, che un pò di poser ci saranno.

Altri link all'evento:
su Facebook
su Fixedforum
su Youporn

su Milanofixed

I nostri sponsor:
Collettivo Got Tools
Cicloofficina pontegiallo
Felpe "La turca" ( Varanazzo su fixedforum.it )
Calle Marconi
Margot Cycling
Enclair ci mette un pò delle sue T-shirt
+1 Sponsor misterioso (in palio buoni d'acquisto presso il suo store online :-) )

Se foste interessati a sponsorizzarci saremo lieti di segnalarvi in flyer/spoke/foto/banner/altrestoriedelgenere

domenica 7 agosto 2011

troPpi rapporti

La prossima volta mettine su un solo di rapporto, cosi non sbatti la testa sul muro.

video

ah un altra cosa, non comprate le bici rubate che vi incasinano il cervello.

giovedì 14 luglio 2011

Santini Santa Asfaltanza

Considerata la dedizione apostolica dei membri del dRIMtIM alla setta della Santa Asfaltanza e la fede cieca che ripongono nel loro amato San Guinante, ho pensato potesse essere cosa gradita una spoke\santino\medaglia al valore da conferire a tutti coloro che hanno ricevuto i Segni Sacri.


Se vi serve in alta risoluzione fate un fischio. Se ve lo volete tatuare ce l'ho anche in BN.

sabato 9 luglio 2011

SplAsh - RePort




A volte succede che ti trovi davanti a situazione imbarazzanti. Te sei li che scanni come un maledetto, sudi e c'hai i crampi e a condurti sulla retta via c'è un tizio tutto tranquillo con la barba lunga che ammazza gli orsi, con un pallone da spiaggia sotto braccio e tira tutto il gruppo. Per tutto il tempo. Garetta ESAGERATA, la combo nuoto-bici-corsa ha messo a dura prova tutto il drim tim e il mio fisico poco preparato.

Partiamo da milano con qualche minuto di ritardo, caricare la punto di carrotz con tre bici e tre persone grosse non è stato agile. Vinco il posto davanti a bim bum bam contro cima, e mi metto comodo a cercare di caricare il cellulare con un oggetto del futuro. al primo casello "ooooooh guarda quella che figa" e via le passiamo a culo senza prendere il biglietto. Bell'idea. bene. usciamo a lodi per evitare di pagare la tratta napoli-bologna. Accumuliamo ritardo. Delle ragazzzine si innamorano di noi sull'autostrada ci fanno diversi segni per invitarci in un area di sosta appartata, ci fanno vedere culi e tette dal finestrino, si strappano i capelli e ci spediscono lettere d'amore. Ma abbiamo degli impegni da rispettare. Arriviamo a Modena che la gente si stava gia buttando in piscina, montiamo le bici in 4 secondi e ci uniamo ai delfini. 200 mt in acqua che mi sembrava di attraversare il lago maggiore, per il lungo. esco con il fiato corto e quasi sudato O_o, con gli altri a bordo piscina guardiamo l'unica mappetta che abbiamo, segniamo i check e usciamo a prender le bici. E' qui che ci è apparso per la prima volta, con voce soave "quaaa dietro di me, out of town, robbe andiamoooo" su su tutti dietro come i pulcini con la chioccia. Facciamo i primi due check (ordine libero), al primo ci bollano, al secondo facciamo il giro del parchetto come ad essere al vigorelli, al terzo ci danno il manifest vero e proprio, quattro check più il finale. Matte guarda la mappa una volta sola e dopo aver ricevuto un pallone da spiaggia ci traina per due ore. Torniamo alla piscina, altro manifest altro giro, stavolta due check a piedi. Matte non molla ci trascina ci aspetta ci riprende. Alla fine, come ogni buon maestro, ci lascia liberi di crescere "ora ve la vedete voi, io cammino" e via partiamo tutti a cannone, alla fine cima trezi carrotz ska e robben. Premiazione ricca, soprattutto di pasta e pizzette che ci hanno tenuto compagnia nel post gara e pure alle 5 arrivati a milano, il forno era già caldo. Post gara con giri di bevute e fie, di cui modena sembra esser ricca. vaffanculo ai bastardi che hanno aperto le macchine, sicuro gli succede qualcosa di brutto maledetti.

grazie ai ragazzi di modena che organizzano sempre delle cose abbbomba, grazie a matte che ci ha tirati fischiettando, grazie al free drink, grazie a carrotz che ci scarrazza in giro. daieeeeeee.


giovedì 7 luglio 2011

Death-proof Naos

Con un rosario di insulti agli automobilisti incapaci annunciamo che il buon Naos ha dato prova di avere la pellaccia dura.
Riporto la dinamica dell'incidente con le parole dello stesso: "per evitare il suddetto figlio di troia ho preso uno spartitraffico, che ho saltato, e sono finito in tutta un'altra corsia. Telaio (è acciaio, non di burro come gli alu ) da buttare, ruota davanti idem, gabbiette strappate dai pedali... "
La ricostruzione dell'incidente dei nostri periti.

E un set fotografico degno di nota dove si vede la devastazione che si è abbattuta sul povero Faggin.


Naos vince come premio di consolazione un puzzle di 3 pezzi in vero osso di clavicola.
Medaglia al merito e tutta la stima della Setta della Santa Asfaltanza.
Devo preparare una spoke con motto "Ho assaggiato l'asfalto" per tutti gli adepti.

venerdì 24 giugno 2011

The Origins

Un video del 2005 che racchiude un pò l'essenza del movimento fisso.
Quando i fissati erano quattro gatti che rovistavano nelle cantine dei ciclisti in cerca di pezzi e si prendevano gli insulti dei meccanici.
Tanto per ricordarci da dove veniamo, in un momento in cui sembra tutto votato all'accostamento cromatico.

Grazie ai ragazzi che furono la Chaingang Rotafixa!

sabato 18 giugno 2011

LA CARDINALE - report



La gara secondo SKA
Tra una cazzate e l'altra alla fine il dritto l'abbiamo fatto, tra premiazioni birre e carretti si finisce seduti ad un tavolo in un ATTIMO. vabbhe cominciamo dall'inizio.
Arrivo con qualche minuto di ritardo, che avevo fatto la pizza e non mi staccavo dalla teglia. San fedele, una 30ina di iscritti, dopo aver pagato l'obolo di due birre e il gettone, mi metto in fila con gli altri per il manifest. foto di rito, poi ci vengono dati 5 minuti per vedere bene i check, partiamo con calma, qualcuno dietro di me fora subito, primo check in zona zara la so e tiro (forse per arrivarci ci facciamo una strada di merda, è la piu veloce mica per niente eheheh). In gioia mi sta seguendo solo trezi, scopro dopo che nephasto ha litigato col tubo sella, qualcuno ha bucato e fabri c ha le menate con le lenti. Dopo via traù, andiamo a cannone in via cufra a fare la foto, poi, come da regolamento, torniamo in san fedele. mi sta salendo un po la pizza, tra poco vomito. Abbiamo qualcuno sul collo, credo la delegazione colognese, rapido e check e mi accodo a trezi per andare verso città studi. rimaniamo soli. Anche questo check non è difficile da trovare (cosa apprezzabile di tutta la gara in generale, è che i check erano vicini alle arterie principali, facilmente riconoscibili). Ray e bubi ci aspettano con della birra, e giu altri segni di pennarrello sul manifest. ora viene la parte con piu gamba, dobbiamo spingere per tutta la circonvalla, trezi fa qualche scorciatoia che nemmeno in mario kart le trovi, e tagliamo un po di circonvalla, poi ripamonti dove i fumi del cemento appena messo ci attaccano da destra, mentre sul marciapiede attraversiamo il ponte. altro checkk, due sorsi di birra e via verso la fiera, corso vercelli, piazza piemonte. ultimo check. nella mia testa siamo davanti a tutti, nel dubbio spingiamo come dei dannati per gli ultimi metri... conciliazione, cadorna e via dante. In san fedele cima e carrotz ci stanno aspettando con gia 5-6 persone, un po mi rattristo. poi salta fuori che siamo arrivati 2 e 3, primo guido... bhe bene direi, abbiamo spinto il giusti, forse potevamo fare di piu tornando da zara, ma il giro giusto non c'era, ci voleva piu gamba guido ce l'aveva :). grazie a trezi per avermi guidato e triato cima e carrotz per l'organizzazione i check per le birre e tutti gli altri, al solito, in ordine sparso. grazie al carretto per le birre fredde. adesso dopo due colazioni è ora della doccia e della cacchetta. a breve foto, qualcuno ha pure fatto video matti della premiazione. daidaidai.

Another  point of view - by Nephasto
Giovedì sento il Cimetta e ci accordiamo per una sessione straordinaria di meccanica ciclistica: se riesco a finire il montaggio della bici, corro anche io. Detto fatto, ieri sera alle 10 meno dieci arrivo in San Fedele raccogliendo per strada una delegazione di Cologno: c'è già più gente di quanto mi aspettassi e il carretto della ciclofficina pieno di ghiaccio comincia a far posto a numerose birre da raffreddare.
Alla distribuzione dei manifest ci raduniamo io, Ska, Trezi, Enclair, Andre alla prima alley, Wunderking e Ben. Si parte e subito un sibilo potente mi fa voltare verso Ben che ha la gomma a terra.
Il gruppo vola con un uomo in meno, io in coda prendo le misure con la bici che è praticamente in test-drive.
Al primo pezzo di pavè a tutta birra, lo spessorino di lattina che mi fissa il tubo sella mi molla e mi trovo a pedalare come l'orso del circo sulla biciclettina!
Torno alla partenza quasi pronto al ritiro, Cima mi insulta e a mani nude strappa una latta per farmi un nuovo spessore. Stringiamo il tubo con delle invocazioni religiose e riparto con Ben che nel frattempo ha riparato la gomma.
Schizziamo, ma è un binario del tram a fregarmi di nuovo e a riportarmi in posizione orso del circo.  Mollo Ben ma decido di arrivare almeno al primo check, via Traù.
Attraversando via Gioia mi sfrecciano davanti come inseguiti dall'inferno intero Ska e Trezi, poi altri, poi Andre, Wunder, Enclair, colognesi, vanno tutti alla partenza dopo aver già fatto 2 check.
Arrivo al presidio di Gangster, ci son altri corridori, nessuno con una dannata brugola. Parto per via Cufra e sulla strada becco 4 giovanissimi veronesi un pò sperduti ma ben decisi. Li accompagno al check in modalità orso; rallentare in questa posizione fa incendiare i quadricipiti. Al check salta fuori una brugola veronese e mi rimettono in condizione, quindi si sfreccia alla partenza con me guida locale.
200 metri prima di san fedele mi molla ancora la sella e io decido a malincuore di mollare la gara.
Prima di ripartire un veronese buca e con Cima e Carotina si organizza un pitstop per cambiare camera d'aria al giovane che viene rispedito in gara da Cima con un "e adesso vai a fare sti cazzo di check!" a mo di pedata nel didietro.

Qua passo in modalità Organizzazione.
Siamo lì, Carotina, Cima ed io apriamo una birretta facendo due conti sui tempi: prevediamo almeno 15-20 minuti di calma piatta.
Neanche finito di dirlo arriva Guido che con un tempo di 60' netti ha chiuso la gara facendo il giro opposto: Adrigat, Serio, partenza, Seprio, Cufra e Traù. Tutto in solitaria con una gamba notevolissima.
Arriva Enclair tutto stizzito e scaglia il casco: correndo ha perso una lente a contatto ed è andato a farsi un giro.
Passano 10 minuti più o meno, che la birretta ancora non era finita, e arrivano Ska e Trezi in skid. Trezi si lanci a terra urlando al crampo e Ska amorevolissimo a tirargli il piede.
Piazzamento sul podio per il dRIMtIM quindi!
Poi via via i colognesi con copertone brasato per essere passato sull'asfalto appena colato dalle parti di ripamonti.
Wunder seguito da Andre che arriva correndo con bici in spalla per clamorosa doppia foratura in via Dante.
Ben si piazza 11° nonostante la partenza sciagurata.

Gran festa, la birra è ghiacciata e si consuma pian piano, premiazioni e tutto quanto!
Ennesima prova positiva del dRIMtIM, sia all'organizzazione che in gara.
Nonostante tutto anche io son molto soddisfatto e son di nuovo in pista. Alè!

mercoledì 8 giugno 2011

LA CARDINALE - GARETTA



Una bici cosi l'hai sempre sognata, ora pedala un po e dimostra alla scena delle biciclettine milanesi che sudi anche quando nessuno ti regala un cazzo... tutte le indicazioni sono sul flyer, per maggiori info qui

domenica 1 maggio 2011

private alleycat - report




B.O.M.B.A 40 km (che poi dovevano essere 30 ma abbiamo fatto un paio di boiate e l'abbiamo allungata O_o) senza troppo pavè, passaggi al mercato, gente persa per strada... partiamo 1430, primo check trappola, a recuperare un pacco-cartone da conservare integro (il flyer recitava spectrum, pick up via rutilia, noi convinti che bisognasse fare il pick up e poi consegna a spectrum... la faccia del truffa quando gli abbiamo invaso il negozio aggratis era "Mmmm pollastri, avete letto bene il manifesti???")... secondo check via de amicis, la strada da parco ravizza è abbastanza facile, evitiamo un po di ingorghi in zona ticinese, e riusciamo a rimanere tutti e 7 compatti, anche se la gambetta comincia un po a cedere, cerco di spingere visto che prima o dopo il fiato mi si rompe e sto in poltrona. Al 40 di de amicis ci consegnano un NUOVO check, in 20 minuti dobbiamo raggiungere una via in zona fiera, facciamo saltare tutti i nostri piani, e lo completiamo in 10. A pensarci bene, forse, potevamo metterci un altro check di mezzo (quello di via martinitt)... da un punto di vista della gamba, comunque, ci è andata bene, perchè farsi la vasca de angeli-de amicis per poi scoprire che dovevamo tornare in zona fiera ci avrebbe ucciso :). Per strada perdiamo il buon Trezi, che si ritira per qualche minuto sul marciapiede causa buco nella gomma. Dopo de angeli assaltimo il centro, compatti a trenino sbilenco (nel senso che a ben vedere non riuscivamo a metterci uno dietro l'altro). In via bagnera ci consegnano un altro check, via gorizia, la teniamo per dopo, visto che è a due passi dall'arrivo... vittorio emanuele è la morte nera, pedoni passeggini e cani... ovviamente arriviamo dalla parte sbagliata, tra noi e il check c'è un negozio reply, senza troppe menata leghiamo le bici (NON CI SONO PALI -> cestini) e ci intrufoliamo sudati e puzzoni nel negozio, per uscire dalla porta di servizio e farci timbrare il manifest, niente di eroico, nel senso che io fino all'ultimo ho pensato che si fosse d'accordo con la reply... invece dalla faccia del vigilate all'ingresso credo proprio di no. prossimo check, 10 flessioni sulla circonvalla. Nella testa di tutti il check successivo non poteva che essere SPECTRUM, purtroppo da SPECTRUM non c'era nessuno ad aspettarci... se non le grasse risate del truffa, e un po di ossigeno per gambe e polmoni. Con un coltello infilato nella schiena partiamo alla volta di via temolo, zona biccocca, brutti ricordi mi affiorano alla mente (spesso ho tirato dritto ben piu del dovuto, ritrovandomi a fare le vaschette come un cricetino). Su melchiorre gioia la gambe cominciano a lamentarsi, proviamo ancora una volta a metterci in fila, impossibile. Mi riparo un po dal vento dietro alla borsa esagerata di teone e tiro dritto. le gambe spingono a ritmi degli insulti che arrivano dal resto del gruppo "busone, merde, ricottine (da parte dei piu raffinati)". Al check quasi mi faccio fagocitare dalla calma che si respira, gli altri gruppi guardano la mappa in tutta tranquillità quasi seduti, cima mi riporta alla realtà urlandomi dietro e teone mi allunga una pozione magica. Ora città studi, poi a sud per finire e uccidersi di birra. Matteo aka il panettiere cerca di raggiungere viale monza in solitaria, noi rimaniamo in 5, e carota ci guida nella via piu stretta di milano, dove un misto tra il grande lebwoski, taxi driver e john rambo, con un ottantina d'anni sulle spalle, mi da la carica per continuare. Stiamo finendo e stiamo facendo bene, via gorizia e poi solo birra. Via gorizia è stato il check più bastardo, non solo era appena sotto il ponte della darsena, e tu che vivi a milano da un po ma al casotto non ci sei mai andato, mica lo sai. Ma soprattutto è il check dove ti fanno smontare il copertone e fare lo scemo davanti alla macchinetta foto. Cima e teone schizzano via per primi, verrano premiati da un terzo e quarto posto, dietro di pochissimo ai messaggeri. Carota fora, pinzando la camera probabilmente, io e ray finiamo insieme, una decina di persone prima di noi. Aspetto foto e video, aspetto la prossima. Ringrazi un po tutto il gruppetto, ray cima carrotz teone, il panettiere, trezi, che a turno abbiamo tirato per diversi motivi. trezi che mi spiace non averlo aspettato, ma va cosi. Grazie per la piscina di birra, grazie per i gadget esagerati. Grazie a chi ogni volta si sbatte a far bene le cose. Grazie a chi mi ha fatto montare la leva freno. Grazie alla signora che ha insistito tanto per farci una torta all'arrivo e poi mica ce l ha fatta.





VIDEO di teone
PHOTO di diodo
PHOTO milanofixed
PHOTO a rullino di southfresh
PHOTO di stebasso
PHOTO di pherillo
PHOTO di marco
PHOTO di fixedforum

lunedì 7 febbraio 2011

buon motivo per scrivere a iva zanicchi





E' brutta che ste cose nascono quasi sempre dalla morte di qualcuno, ma tant'è vero che da qualche parte dobbiamo imparare... c'è una proposta di legge in parlamento UE, sulla sicurezza dei veicoli pesanti, in modo da renderli meno pericolosi (roba che vogliono rendere obbligatorie delle telecamere di sicurezza)... la campagna la portano avanti questi ragazzi di londra, che un paio di anni fa hanno perso una rider proprio per colpa di un camion gigantesco... ci vogliono un sacco di firme di parlamentari EU per farla passare (quasi 400), sarebbe carino da parte nostra, oltre che abbastanza doveroso, stare addosso ai parlamentari nostrani, qui ce una lettera sample e alcuni indirizzi, le altre mail (che sono parecchie) le trovate qui .

ride safe!




Onorevole [nome del deputato al PE],

Le sarei molto grato/a se potesse firmare la dichiarazione scritta 81 del Parlamento europeo sul miglioramento della sicurezza stradale grazie all'eliminazione degli angoli ciechi nei camion (veicoli pesanti).

Sebbene rappresentino soltanto una ridotta percentuale del traffico sulle strade europee, i veicoli commerciali pesanti sono coinvolti, ogni anno, in un numero sproporzionatamente elevato di incidenti, a causa degli angoli ciechi sul fronte e sui lati del veicolo che impediscono al conducente di vedere ciclisti e pedoni.

La legislazione volta ad aumentare gli specchietti retrovisori sui veicoli non ha fornito una soluzione al problema. Secondo le stime, ogni anno sulle strade dell'UE perdono la vita 2 200 ciclisti e un'elevata percentuale di questi decessi è dovuta ai veicoli commerciali pesanti.

La soluzione risiede nell'installare sui camion sensori e telecamere che, grazie ai progressi tecnologici, sono sia pratici che disponibili a un prezzo accessibile. La dichiarazione scritta 81 esorta la Commissione ad esaminare d'urgenza l'installazione di suddette applicazioni nonché di dispositivi avanzati di frenata d'emergenza e di sistemi di avviso di deviazione dalla corsia.

Il Suo sostegno alla dichiarazione contribuirà a porre fine agli incidenti evitabili che sono causa di morti e feriti sulle strade di tutta l'Europa. La esorto a firmare quanto prima possibile considerando che la dichiarazione decade il 17 febbraio 2011.

La ringrazio dell'attenzione.

Voglia gradire i sensi della mia profonda stima,



[nome dell'elettore/elettrice]